I giardini e le ville pubbliche di Roma

(articolo per RomaFun)

I giardini e le ville pubbliche di Roma sono una caratteristica della capitale molto apprezzata dai turisti. Nonostante i romani siano abituati alla vista di questi edifici storici, per chi giunge nella città eterna sono un contorno straordinario ai numerosi monumenti che popolano le strade cittadine. Anche i giardini, tra i più apprezzati al mondo, contribuiscono ad accrescere l’atmosfera solenne che pervade la città in ogni sua panoramica.

La storia dei giardini e le ville pubbliche di Roma

La maggior parte di ville pubbliche a Roma ha origini medioevali, anche se molte di esse sono state costruite sulle fondamenta di più antichi edifici risalenti al periodo romano.

Verso la fine del quattrocento, i romani più ricchi cominciarono a spostarsi in campagna per costruirsi ville sfarzose (seguendo quanto già in uso presso l’antica Roma). Questa usanza continuò per parecchi anni e portò a una sorta di risorgimento della capitale, dopo un lungo periodo di decadenza seguito alla caduta dell’impero romano.

I giardini e le ville più belle della capitale

Inutile sottolineare come le ville e i giardini costruiti dai benestanti siano state edificate con particolare gusto e cura dei dettagli. Poco fuori il cuore di Roma, sorgono ancora oggi costruzioni di valore assoluto. In questa lista ne citiamo solo alcune, in quanto sono davvero innumerevoli:

  • Villa Aldobrandini, posizionata sul colle del Quirinale, era una volta decorata con una collezione di opere d’arte di estremo valore (tra di esse figuravano lavori di Tintoretto, Tiziano e Leonardo Da Vinci) che sono però andare perse con il passare degli anni. Rimane comunque un edificio imponente e dallo squisito valore artistico.
  • la celebre Villa Borghese è un parco di circa 80 ettari che sorge a Roma e mostra una serie di aree che includono piccole costruzioni, laghetti e fontane varie. All’interno di essa si trovano tipici esempi di giardino all’italiana e aree in stile inglese.
  • Villa Magistrale (nota anche come villa del Priorato di Malta) è un insieme di edifici e annessi giardini che sorge sull’Aventino. Tutt’ora ospita la sede del Sovrano militare ordine di Malta.
  • Villa Abamelek, edificio che sorge sul colle Gianicolo è attualmente la residenza degli ambasciatori russi presso la capitale d’Italia. La sua costruzione è stata effettuata a cavallo tra il seicento e il settecento dal marchese Paolo Girolamo Torre.
  • Villa Doria Pamphilj è un complesso che comprende il più grande parco pubblico della capitale. Situata appena fuori dal quartiere Gianicolese, l’estensione del parco raggiunge i 184 ettari.

Naturalmente si tratta solo di un piccolo assaggio di quanto può offrire la capitale: esistono decine e decine di ville o giardini da esplorare, capaci di sorprendere sia il turista alla prima visita nella città, sia il romano che si sofferma un attimo ad apprezzare la bellezza che lo circonda quotidianamente.

Ti potrebbe interessare anche Via del Corso e i suoi negozi

 

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta l'informativa sui cookie.